giovedì 8 gennaio 2015

Mimesis: Noway new collection


Non mi è nuovo parlare di Noway sul mio blog. Questo brand mi ha sempre colpito per la semplicità, per i pochi capi che propone, ma sempre ben realizzati. E per ultimo, ma non meno importante, per i lookbook così accattivanti e azzeccati. 
In questa collezione sono pure entrate alcune borse, veramente eccezionali. Ne voglio assolutamente una insieme a quella bicicletta bianca da sogno. 

It's not the first time I speak about Noway on my blog. This brand has always struck me for its simplicity, for the few pieces that it offers, but always well made. And last, but not least, for the lookbook, so captivating and hitting in the spot.
In this collection there also are some bags, indeed exceptional. I definitely want one with the white amazing bicycle.

Purification of shapes

The Wish list project, created by British designer Terence Conran, invited ten emerging designers to create an object made ​​of wood for ten renowned architects and designers. We present some results of these collaborations and you will see what trends will be taking on design for the future. Truly magnificent pieces by designers from future success.

Sharpeners by Norie Matsumoto for Norman Foster
Ladder by Xenia Moseley for Richard Rogers
Ladder by Xenia Moseley for Richard Rogers
Shed by Nathalie de Leval for Paul Smith
Kitchen stool by Felix de Pass for Alison Brooks
(Via

7 ways how to see Architecture

Bränden bus stop by Sou Fujimoto
Vedere una relazione tra Krumbach, paese con una popolazione di appena mille abitanti, e l'architettura contemporanea poteva essere alquanto difficile. Fino a quando, non si è lanciato il progetto Bus stop project: sette architetti internazionali sono stati invitati a realizzare altrettante fermate dei mezzi pubblici in cambio di una vacanza nella regione di Bregenzerwald (Austria). A questo progetto hanno partecipato architetti come Sou Fujimoto, Smiljan Radic e Wang Shu. 
Quello che risulta interessante da un'iniziativa di questo genere è che ci è possibile vedere come ciascun architetto veda l'architettura applicata ad una tipologia edilizia unica. Chi, come Sou Fujimoto, la vede come una forma di interazione tra persone, quindi lo spazio come luogo di incontro, chi, invece, immagina un piccolo interno in cui isolarsi dal mondo esterno, da cui guardare il mondo esterno come un estraneo. 
Lasciamo a voi, analizzare le altre differenze e sarebbe interessante se ce le illustraste nei commenti. Rimane, comunque, un'idea eccezionale, che potrebbe essere ripetuta anche in altri contesti, magari mettendo alla prova questa volta promettenti e giovani menti, coloro che tra qualche anno rappresenteranno il futuro.  

Find a relationship between Krumbach, a village with a population of barely a thousand of inhabitants, and contemporary architecture could be quite difficult. At least until the Bus Stop project: seven international architects were invited to realize their bus stop structure in exchange for a holiday in the region of the Bregenzerwald (Austria). This project was attended by architects such as Sou Fujimoto, Smiljan Radic and Wang Shu. 
What is interesting from this kind of initiative is that it is possible to see how each architect sees architecture applied to a building type. Who, as Sou Fujimoto, sees it as a form of interaction between people, space as a meeting place, who, however, imagine a small interior isolated from the outside world, from which look to outside world as a stranger. 
We leave it to you to analyze the other differences and it would be interesting if you could illustrate us in the comments. It remains, however, an exceptional idea, which could be repeated in other contexts, perhaps putting to the test, this time, promising young minds, those who will represent the future in a few years. 

Glatzegg bus stop by Wang Shu and Lu Wenyu of Amateur Architecture Studio
Unterkrumbach Süd bus stop by ArchitectenDe Vylder Vinck Taillieu
Unterkrumbach Nord bus stop by Antón García-Abril and Débora Mesa of Ensamble Studio 
Oberkrumbach bus stop by Alexander Brodsky
Kressbad bus stop by Rintala Eggertsson Architects
Zwing bus stop by Smiljan Radic

Playlist #28: Griefjoy, Mykky Ekko, MØ, Smallpools, MS MR

Today is an INDIE day for SSmyL, even in music! Enjoy our new playlist!

 

W.I.L. - Beauty

Everyone has their own opinion on beauty, this is simply our... With surprise!

giovedì 6 marzo 2014

Snowpiercer, l'apocalisse a bordo del treno


Yesterday I was just looking to the programming offered by the cinemas near my house. The intention was to go and watch some of the Oscar's awarded during the evening of Saturday, 12 years as a slave, but magically I came across this film, Snowpiercer . Never heard of it, no trailer shown on TV, but on Mymovies has an exceptional mark for a movie just came out (an amazing 4!). The film is the highest paid of Korean history. It starts to get interesting. I look at the trailer. Easy victory against 12 years a slave, appointment to next week for it, unless a new outsider of this level wouldn't come out from nowhere.
The plot is simple enough: global warming has forced countries around the world to look before a scientific solution. This solution is the CW- 7 , a gas that is emitted into the atmosphere will contribute to lowering the overall temperature. But the reduction leads to a new ice age, where humanity (or rather, a small part) is saved thanks to the visionary trains builder Wilford. His train is a complete ecosystem, where every person has its place , hierarchically organized from the head towards the tail. The tracks follow the whole world and it is necessary for a full tour exactly one year, then, the train also marks the advancement of time .
The tail is made ​​up of what is considered scum and that's where part of the riot to overthrow the order inside the train .
Raw, violent, macabre. Korean films do not save anything to the view, if you have watched the trilogy of revenge of Park Chan-wook you can understand. What, however, leaves displaced in these films is that violence takes on a tinge of poetry, the way it is told makes it almost ethereal and worthy of being seen. The timing of the story lead to something almost like divine vengeance that comes down from the hands of the gods. And the figure of the hero is very different from the western one. Our main character fights for the purpose, but on the way risks his lives for their comrades, do not drop anyone at risk of life. Here, the hero is, yes, fought in the choice, but in the end, do not take his eyes off from the ultimate cause .
I do not want and I can not say more, I invite you to just go and see it (strictly no popcorn in the room!) And also prepare for good laughs, because the film is also dressed by scenes of great humor and with an outstanding Tilda Swinton.

Ieri ho semplicemente iniziato a vedere le programmazioni offerte dai cinema vicino casa mia. L'intenzione era di andare a vedere qualche premiato durante la serata degli Oscari di sabato scorso, come 12 anni schiavo, ma, magicamente mi sono imbattuto in questo film, Snowpiercer. Mai sentito, nessun trailer passato in tv, ma su Mymovies ha una votazione eccezionale per un film appena uscito (ben 4!). Il film più pagato della storia coreana. Si fa interessante, la cosa. Mi guardo il trailer. Vittoria facile contro 12 anni schiavo, per lui appuntamento alla prossima settimana, sempre che non sbuchi un nuovo outsider di questo livello. 
La trama è abbastanza semplice: un surriscaldamento globale ha costretto i paesi del mondo a cercare quando prima una soluzione scientifica. Questa soluzione è il CW-7, un gas che emesso nell'atmosfera contribuirà ad abbassare la temperatura globale. Detto fatto, ma l'abbassamento porta ad una nuova era glaciale, da cui l'umanità (o meglio, una piccola parte) si salva grazie al visionario costruttore di treni Wilford. Il suo treno è un completo ecosistema, dove ogni persona ha il suo posto, gerarchicamente organizzato dalla testa verso la coda. I binari seguono tutto il mondo e per un giro completo è necessario un anno esatto, quindi, il treno scandisce anche l'avanzamento del tempo. 
La coda è costituita da quella che è considerata feccia ed è da lì che parte la rivolta per sovvertire l'ordine all'interno del treno. 
Crudo, violento, macabro. Non si risparmia niente alla vista nel cinema coreano, se avete presente la trilogia della vendetta di Park Chan-wook. Quello che, però, lascia spiazzati in questi film è che la violenza assume una sfumatura di poesia, il modo in cui viene narrata la rende quasi eterea e meritevole di essere vista. I tempi di narrazione la portano quasi a qualcosa di divino, la vendetta che scende dalle mani delle divinità. E anche la figura dell'eroe è molto differente da quella occidentale. Il nostro main character lotta per lo scopo, ma durante il percorso rischia la vita anche per i propri compagni di lotta, non lascia cadere nessuno a rischio della vita. Qui, l'eroe è sì combattuto nella scelta, ma, alla fine, non distoglie gli occhi dalla causa ultima. 
Non voglio e non posso aggiungere altro, vi invito solamente ad andare a vederlo (rigorosamente senza pop-corn in sala!) e prepararvi anche a sane risate, perché la pellicola è condita anche da scene di forte humor e da  una eccezionale Tilda Swinton.  


martedì 4 marzo 2014

Arte "povera": Take a seat


Take a seat and look to those amazing prints. Made by the hands of Gelatoaltonno (Atun ice-cream), but real name is Nicolò Ferretti. He realized a serie of paintings of the most famous chairs of design history. Simply lines, few light colors, perfect for everywhere. I love them. Not just for designer!
Just 14$ on sale here!

Take a seat (mettetevi seduti) e date un'occhiata a queste fantastiche stampe. Realizzate dalle sapienti mani di Gelatoaltonno, Nicolò Ferretti. Si tratta di una serie di immagini delle più famose sedie della storia del design. Linee semplici, pochi colori pastello, perfette per ogni parete. Le ho amate dal primo secondo. Non solo per designer!
In vendita a soli 14$ qui!

martedì 25 febbraio 2014

Must Have Sneakers 2014

Nike Roshe-Run Halftone Print pack 2
Al momento mi sono proprio fissato con sneakers e scarpe in generale, quindi, vi propongo quali, secondo me, saranno i must have per questa primavera estate. Partiamo subito:

  • Nike Roshe-Run Halftone Print pack 2: mi hanno colpito fin da subito come modello e in questa colorazione sono assolutamente estive!
  • Vans OTW Mili Stripe Pack: hanno una forma originale per il concept Vans, ricordano le Roshe-Run, e in questo blu-celeste maculato sono fantastiche.
  • Jordan Future Black Infrared: nonostante siano scarpe da basket, sono sufficientemente eleganti ed adatte a tutti i giorni. Per chi vuole un prodotto originale!
  • Nike Sb Stefan Janoski Max: semplici, ultraleggere e di classe.
  • Dr. Martens Lester 3-Eye Skull and Roses: le Dr. Martens sono ormai un must have in generale, ma perché non scegliere la versione con rose e teschi? 
  • Vans Authentin X Shipley & Halmos: semplici, ma diverse. Di impatto. Soli 60$ per un'edizione limitata di 25 paia... Purtroppo vendute solo a New York. Per viaggiatori! 

martedì 4 febbraio 2014

Hipster posters


Cercando qualche idea, mi sono imbattuto in locandine cinematografiche realizzate in chiave moderna, minimalistica. Come dirremmo oggi: hipster. Le ho volute semplicemente condividere con voi. 

Looking for new ideas, I found these film posters made in modern way, minimalistic. We could call nowaday: hipster. I wanted just simply share with you.

giovedì 17 ottobre 2013

If by Rudyard Kipling


We have found this poetry by chance and we want to share with you all. 
What a father should say to his son... 

If you can keep your head when all about you
Are losing theirs and blaming it on you;
If you can trust yourself when all men doubt you,
But make allowance for their doubting too:
If you can wait and not be tired by waiting,
Or being lied about, don't deal in lies,
Or being hated, don't give way to hating,
And yet don't look too good, nor talk too wise;